Discarica non causò disastro ambientale

La discarica di Conversano non ha causato un disastro ambientale. Il gup del Tribunale di Bari Antonio Diella ha assolto "perché il fatto non sussiste", seppur con formula dubitativa, i dieci imputati, titolari e tecnici della società 'Lombardi Ecologia Srl' proprietaria della discarica, componenti della commissione di collaudo regionale che erano accusati di avere omesso i controlli e l'amministratore della società 'Progetto gestione bacino Bari 5' che gestisce l'impianto. La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. L'ipotesi d'accusa, secondo cui l'impianto aveva inquinato la falda e i terreni agricoli dell'area, è stata ritenuta insussistente in base ad un incidente probatorio che ha escluso la contaminazione. Il giudice ha disposto anche il dissequestro dopo circa cinque anni delle vasche di raccolta rifiuti della vecchia discarica, rimettendo "agli organismi di controllo e agli enti competenti le valutazioni sulla eventuale possibile ripresa di esercizio".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Quotidiano Italiano Bari
  2. Puglia Positiva
  3. Quotidiano Italiano Bari
  4. Puglia.com
  5. PugliaLive

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Polignano a Mare

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...